APPROVATO DDL RIFORMA P.A.

approvatoVia libera definitivo al ddl di riforma della Pubblica amministrazione, che diventa legge: l’Aula del Senato ha infatti approvato la delega sulla Pa con 145 voti a favore. I contrari sono stati 97 e nessun astenuto: se le opposizioni non avessero votato, non sarebbe stato garantito il numero legale che era di 150 voti. In neanche un’ora  ha completato le votazioni sui 23 articoli della delega

Il capitolo razionalizzazioni prevede che  il Corpo forestale sarà assorbito da un’altra forza di polizia (probabilmente i Carabinieri), si prosegue con  il taglio da 105 a 60 delle Camere di commercio e proclama  l’avvio del disboscamento delle partecipate di enti pubblici, e cioè il famoso ed accantonato piano Cottarelli, sarà la volta buona? E’ previsto inoltre il riordino,  equivalente alla chiusura,  di alcune  prefetture, che non saranno più una per provincia,  dando vita ai nuovi Uffici territoriali unici dello Stato.    E anche per i ministeri dovrà scattare una riorganizzazione in chiave flessibile, in primis delle strutture interne.

Dirigenza e pubblico impiego, si cambia È una riforma ad ampio raggio, quella disegnata dal ddl Madia con ben 15 deleghe al Governo, tra cui spicca quella della scrittura di un  nuovo testo unico sul pubblico impiego, con il  quale introdurranno nuove norme in tema di responsabilità dei dipendenti pubblici  per «rendere concreto e certo nei tempi di espletamento e di conclusione l’esercizio dell’azione disciplinare». Con la delega arriva inoltre il ruolo unico per i dirigenti (uno per lo Stato, uno per le Regioni e uno per gli Enti Locali), che saranno scelti in base al merito e alla formazione continua e potranno rimanere in carica quattro anni (con l’aggiunta di due anni, se necessario, ma per una sola volta), salvo poi cambiare incarico. Per non essere licenziati, potranno accettare di essere “declassati”.

Le misure anti-burocrazia  prevedono una macchina burocratica più agile e snella: arriverà la nuova Carta di cittadinanza digitale, con i livelli minimi di qualità dei servizi della Pa online.

Presumibilmente l’Esecutivo punterà  a presentare a settembre  i primi decreti delegati  che,  a detta della  ministra Marianna Madia, saranno di due pacchetti: il primo sulle misure anti-burocrazia,  poi quello del dimagrimento della macchina pubblica. Per ultimo il riordino della dirigenza e il testo unico del pubblico impiego.

Come sempre siamo convinti della necessità di riordinare la PA, ma temiamo che i provvedimenti non vadano nel senso del recupero di una reale efficienza ed economicità, si parla ma non si realizza la valorizzazione del dipendente pubblico,  che viene classificato come un costo  e non come risorsa necessaria  sulla quale fondare e calibrare ogni  riforma.

2 Risposte a “APPROVATO DDL RIFORMA P.A.

  • Mario Adessi
    2 anni fa

    Perfettamente d’accordo sulla dequalificazione del pubblico impiegato che, invece di essere valorizzato nelle sue capacità, viene ridotto al rango di manovali generici ma con responsabilità amministrative, penali e civili da dipendenti statali (che non siamo più) IL Decreto Brunetta è la più grande vituperazione sulle nostre capacità… gli operai delle grandi fabbriche hanno un consiglio in cui cercano di partecipare alla gestione e alla produzione dell’Azienda. A quando una partecipazione responsabili dei dipendenti all’amministrazione della cosa pubblica? I sindacati tacciono su questo, anzi tacciono su tutto, si lamentano ma il loro lamento lo ascolta solo idDio; i politici e gli alti dirigenti non ci cagano neanche

  • Enrico GEMMA
    2 anni fa

    E coloro che, idonei non vincitori e in graduatoria d’attesa, hanno superato un concorso per l’accesso alla dirigenza e si sono visti “sostituire” dai dirigenti “incaricati” (art.19 comma 6 D.Lgs. 165/2001), questi il cui interesse legittimo è stato e, sembra, continuerà ad essere calpestato, questi: che fine faranno?