Elezioni per il rinnovo delle RSU 2015

downloadLa procedura per il rinnovo delle RSU è ormai alle porte. Infatti il 13 gennaio prossimo inizieranno secondo il calendario che riportiamo sotto. Il Manuale è disponibile cliccando su questo link manuale rsu 2015.

Logo Ufficiale della Federazione UGL-INTESA 

alta-risoluzione

Il risultato elettorale non servirà solo per rinnovare i rappresentanti nei posti di lavoro ma inciderà anche sulle scelte che si effettueranno sul personale del Pubblico Impiego nel prossimo triennio.

Le nostre scelte, le nostre proposte sono ormai contenute nei molti comunicati pubblicati e partono dall’idea che sia arrivato il momento di valorizzare la reale professionalità e il merito isolando i comportamenti che, anche se minoritari, danneggiano tutta la categoria. Riqualifichiamo realmente il nostro lavoro e diamo una risposta concreta a chi ci vede solo come dei “dipendenti fortunati e poco produttivi”. Il nostro rilancio può venire solo da noi stessi.

 

Riassumiamo alcune delle nostre proposte

Introduzione del Contratto Cornice

Per prima cosa proponiamo una rivoluzione copernicana delle procedure di contrattazione.
Proponiamo un contratto cornice che sia da riferimento con alcuni punti inderogabili e il resto che si possa modificare con contrattazione integrativa di Ente o Amministrazione.
L’idea del grande CCNL che prevede tutele inderogabili per tutti, anche nei casi in cui si vorrebbero derogare, è uno spauracchio che impedisce ai lavoratori di prendere coscienza delle reali possibilità di adattamento delle regole contrattuali nella specifica realtà lavorativa attraverso la volontà delle parti all’interno delle rappresentanze locali.

Modifica sostanziale del modello di riqualificazioni

Prendiamo atto senza ipocrisia che i sistemi di riqualificazione non hanno raggiunto alcun risultato di eccellenza e non hanno consentito un concreto aumento della qualità e dell’efficacia del lavoro.
Abbiamo subito scelte sbagliate con la connivenza dei vertici politici, che non hanno saputo dare le risposte legittime alle giuste aspettative dei colleghi.
• Crediamo che nelle riqualificazioni del personale sia dannoso, oltre che ingiusto, utilizzare sciocchi espedienti per raggiungere il risultato per far passare tutti allegramente di livello, ma che una equa e oggettiva selezione sia utile a tutti, sia per aumentare la qualità del lavoro, sia per poter pretendere adeguati aumenti stipendiali al posto delle mance generalizzate, finora ricevute.
• Vogliamo strumenti e opportunità, assolutamente oggettive e trasparenti, per mettere in luce le capacità individuali di ognuno con dei percorsi di carriera realmente legati alla professionalità e al merito.
• Vogliamo introdurre un chiaro ed efficace metodo di misurazione del merito dei dirigenti che non porti allo scandaloso, auto certificato raggiungimento degli obiettivi.

Abolizione della limitazione del doppio lavoro

E’ paradossale legare il secondo lavoro alla posizione di part time. Rientra nelle capacità e nella volontà del singolo il poter svolgere altra attività lavorativa in aggiunta a quella di dipendente pubblico.

Introduzione dello sciopero solidale

Lo sciopero solidale consiste nell’astensione dal lavoro di alcune professionalità, indispensabili per il meccanismo burocratico, che potranno creare un concreto e sostanziale disservizio alle amministrazioni mentre gli altri potranno contribuire ad un fondo per compensare i danni economici degli scioperanti e, per evitare che solo i colleghi che scioperano (per la causa di tutti) vengano danneggiati, si è pensato un “Fondo di Solidarietà” nel quale anche il sindacato contribuisce con una quota di denaro.
Sarebbe la prima volta che un sindacato mette soldi, e non solo parole, in favore dei lavoratori!

Introduzione dello sciopero virtuale

Un’altra possibile soluzione per l’efficace risoluzione dei conflitti è data dallo sciopero virtuale. L’idea nasce principalmente dall’esigenza da un lato, di garantire a tutti i lavoratori il diritto di esercitare il diritto di sciopero, e dall’altro, dall’esigenza di ricondurre il conflitto sociale in quelli che sono i suoi confini naturali, ovvero quelli dell’Amministrazione, senza far ricadere le conseguenze negative delle astensioni collettive dei lavoratori sugli utenti.
Ad una prima lettura sembra un’arma spuntata ma dobbiamo immaginare l’attuazione per capire come possa essere molto più efficace dello sciopero tradizionale.
Lo sciopero virtuale garantisce la continuità del servizio durante gli scioperi, rinunciando i lavoratori ai loro stipendi e impegnandosi l’ente datoriale a pagare il doppio o il triplo degli stipendi stessi versandolo ad un fondo cogestito. Il principio è che, se non si arriva ad un accordo, la responsabilità è duplice: dei lavoratori e del datore di lavoro.
Una parte consistente del fondo cogestito, finanziato in questo modo, deve essere posto a disposizione di ciascuna delle parti contendenti per la realizzazione delle rispettive campagne di informazione dell’opinione pubblica circa i motivi del contendere. Possono essere realizzati spot televisivi, utilizzate pagine intere di quotidiani, distribuiti messaggi ai viaggiatori, per conquistare l’appoggio della cittadinanza.

Queste solo alcune delle innovazioni che vogliamo introdurre nel rapporto di lavoro e per le quali chiediamo di dare forza alla nostra sigla attraverso il voto per le RSU.

Pubblichiamo il calendario delle elezioni per il rinnovo delle RSU 2015 come definito dal PROTOCOLLO PER LA DEFINIZIONE DEL CALENDARIO DELLE VOTAZIONI PER IL RINNOVO DELLE RAPPRESENTANZE UNITARIE DEL PERSONALE DEI COMPARTI del 28 ottobre 2014.

 

 martedì gennaio 2015

annuncio delle elezioni da parte delle associazioni sindacali e contestuale inizio della procedura elettorale

 mercoledì 14 gennaio 2015

messa a disposizione, da parte delle Amministrazioni, dell’elenco generale alfabetico degli elettori e consegna della relativa copia a tutte le organizzazioni sindacali che ne fanno richiesta;contestuale inizio da parte delle organizzazioni sindacali della raccolta delle firme per la presentazione delle liste

 venerdì 23 gennaio 2015

primo termine per l’insediamento della Commissione elettorale

 mercoledì 28 gennaio 2015

termine conclusivo per la costituzione formale della Commissione elettorale

 venerdì 6 febbraio 2015

termine per la presentazione delle liste elettorali

giovedì 19 febbraio 2015

affissione delle liste elettorali da parte della Commissione

3-4-5 marzo 2015

votazioni

 venerdì 6 marzo 2015

scrutinio

6 marzo -12 marzo 2015

affissione risultati elettorali da parte della Commissione

13 – 23 marzo 2015

invio, da parte delle Amministrazioni, del verbale elettorale finale all’ARAN per il tramite dell’apposita piattaforma presente sul sito dell’Agenzia

Rispondi al commento