RENZI … GLI STATALI ASPETTANO IL CONTRATTO, NON GLI ANNUNCI!

ecIl Ministro Madia che a fine giugno, nel corso di un Convegno della CGIL, ha dichiarato che il Governo era pronto ad avviare le trattative per il contratto del Pubblico Impiego entro metà luglio.

Siamo ormai a metà novembre ed alle parole del Ministro Madia non è seguito alcun fatto concreto mentre un passo avanti è stato compiuto dall’ARAN, che ha definito quali siano i Sindacati che hanno titolo a trattare.

Al Ministro non saremo di certo noi a ricordare che manca ancora l’atto di indirizzo del Governo e che, salvo per spot elettorali dell’ultimo minuto, prima del Referendum non potranno essere avviate le trattative.

Ma i dipendenti pubblici aspettano il rinnovo di un contratto fermo dal 2009 e non si accontenteranno né di spot elettorali per il SI, e neppure di qualche decina di euro di aumento. Nel frattempo abbiamo messo in campo le forze per sbloccare, giudizialmente, la situazione stagnante e riprendersi gli aumenti contrattuali dovuti da questo Governo.

Vogliamo ricordare che la sentenza con la quale la Corte Costituzionale ha dichiarato illegittimo il blocco dei contratti del Pubblico impiego è inapplicata ormai da 16 mesi, mentre la nostra Federazione ha depositato un ricorso gratuito per i nostri iscritti presso il Tribunale di Roma e … com’era facilmente prevedibile e come avevamo già scritto e ribadito mesi fa tutti i ricorsi a pagamento depositati alla CEDU da altra sigla sindacale sono stati dichiarati irricevibili già dal mese di luglio!

Anche se la tentazione di essere autocelebrativi è forte, ci limitiamo a evidenziare come più volte avevamo sottolineato che le condizioni di ricevibilità (ovvero per essere accolto) di un ricorso alla CEDU sono:

  1. il “previo esaurimento delle vie di ricorso interne”;
  2. che la Corte sia adita entro 6 mesi a partire dalla data della decisione interna definitiva;
  3. che il ricorso sia compatibile con le disposizioni della Convenzione e non appaia manifestamente infondato od abusivo.

Era evidente che le tre condizioni di ricevibilità non c’erano ed allora … perché raccogliere fondi per un ricorso? La risposta è ovvia.

La nostra Federazione, lungi dal lasciarsi affascinare da facili promesse pre elettorali, ricorda che sta per scadere il tempo che ha il Governo per trovare risorse, serie, per tutti i lavoratori pubblici.

 

Flash 2016 n. 13 Rinnovo Contratto

I commenti sono disabilitati.