I sindacati hanno detto NO alla limitazione del diritto di sciopero nei Beni Culturali

Schermata-09Oggi si è svolto in ARAN un incontro per proporre alle OO.SS. del comparto ministeri l’applicazione del decreto legge che considera l’orario di apertura dei musei e degli altri siti gestiti dal Ministero dei Beni Culturali come servizi pubblici essenziali.
In sintesi: durante l’orario di apertura dei siti non si può scioperare.
Il punto è che, per moltissimi siti, l’orario di apertura comprende pressochè la totalità dell’orario di lavoro e in questo modo non è possibile manifestare un dissenso per qualsiasi motivo.

Ricordiamo che la “vicenda del Colosseo”, così pompata dai media, non si riferiva a uno sciopero improvviso ma ad una assemblea chiesta dalle RSU già diversi giorni prima, come prevede la norma. Dal diritto di assemblea alla compressione del diritto di sciopero il salto è illogico e strumentale.

Tutte le Organizzazioni sindacali, tranne una che non ha parlato ma ha consegnato un documento al Presidente dell’Aran il cui contenuto è rimasto oscuro ai presenti, hanno dichiarato la propria indisponibilità a sottoscrivere alcunché, riservando l’azione legale e la protesta sindacale ove il decreto legge fosse convertito senza sostanziali modifiche.

I commenti sono disabilitati.