PROGETTO INPS “LA MIA PENSIONE”

la mia pensioneLa scorsa settimana il Presidente dell’INPS Tito Boeri ha presentato il progetto “La mia pensione”, che si inserisce nel processo di miglioramento dei servizi rivolti all’utenza sul quale l’Istituto è impegnato da tempo, anche con l’obiettivo di realizzare un’operazione di reale trasparenza nei confronti degli assicurati, utile a favorire una consapevolezza previdenziale e a orientare le scelte individuali.

Preme sottolineare, innanzitutto, che nella prima pagina del sito internet dell’Istituto v’è presente un “banner” dedicato dove è possibile consultare la documentazione e le istruzioni operative per gli utenti.

Per l’anno 2015, allo scopo di gestire in modo uniforme l’offerta del servizio “La mia pensione” è stato individuato un primo contingente di cittadini cui sarà reso disponibile l’accesso al servizio. Questo contingente, pari a circa 17.800.000 soggetti, è composto dagli assicurati iscritti:

  • al Fondo Pensioni Lavoratori Dipendenti (con esclusione degli assicurati con contribuzione da lavoratore agricolo dipendente o da lavoro domestico);
  • alle gestioni speciali Artigiani, Commercianti, Coltivatori Diretti, Coloni e Mezzadri;
  • alla Gestione Separata.
Tavola 1 Totale fondo Età <=40 anni Età tra 41 e 50 anni Età >50 anni
Artigiani 1.327.366 427.278 495.267 404.821
Commercianti 1.169.120 315.387 423.911 429.822
Coltivatori diretti, Coloni e mezzadri 250.476 64.361 86.007 100.108
Lavoratori dipend. 13.773.838 6.477.201 4.272.025 3.024.612
Gestione separata 1.185.732 526.896 350.874 307.962
Totale 17.706.532 7.811.123 5.628.084 4.267.325

A partire dal 1° maggio 2015, il progetto interesserà coloro che nell’ambito della popolazione di assicurati sopra illustrata sono in possesso di PIN e secondo una graduale estensione del servizio articolata per fasce di età anagrafica come evidenziato dalla Tavola 2.

Tavola 2 Totale fondo Età <=40 anni Età tra 41 e 50 anni Età >50 anni
Artigiani 557.022 172.299 201.489 183.234
Coltivatori diretti, Coloni e mezzadri 43.292 11.652 13.968 17.672
Commercianti 529.944 136.197 185.240 208.507
Lavoratori dipend. 5.116.592 2.225.481 1.633.788 1.257.323
Gestione separata 589.234 253.831 173.014 162.389
Totale 6.836.084 2.799.460 2.207.499  

A partire dal mese di settembre 2015, la restante popolazione di assicurati iscritti alle gestioni sopra riportate che non è in possesso del PIN sarà direttamente raggiunta da una comunicazione cartacea dell’Istituto.

La comunicazione di cui trattasi contiene, oltre al conto assicurativo individuale, una simulazione della situazione pensionistica calcolata preventivamente sulla base di parametri medi, nonché l’invito a dotarsi del PIN per poter effettuare simulazioni personalizzate rispetto al proprio profilo assicurativo e di lavoro.

 Lavoratori Gestione pubblica

A partire da settembre 2016, il progetto “La mia pensione” coinvolgerà i circa 3,2 milioni di lavoratori dipendenti delle Amministrazioni pubbliche, rispetto ai quali è in corso il progetto “Estratto conto dipendenti pubblici” le cui specifiche operative sono state fornite con precedenti circolari.

Gestioni plurime

E’ opportuno porre in rilievo che, in presenza di contribuzione versate in più gestioni, la procedura effettua la simulazione del calcolo della prestazione pensionistica solo qualora le contribuzioni siano cumulabili senza l’esercizio di alcuna facoltà da parte dell’interessato (es. lavoro dipendente e gestioni speciali degli autonomi).

Al momento, la simulazione non viene effettuata per i titolari di contribuzioni versate sia nell’assicurazione generale obbligatoria, sia in altre gestioni previdenziali per i quali è necessario valutare le opportunità di cumulo, totalizzazione, ricongiunzione, pensione supplementare, ecc.

In queste situazioni infatti è opportuno che le diverse opzioni previdenziali siano illustrate e valutate insieme all’utente nell’ambito di una consulenza specifica.

 Richieste di consulenze

L’INPS per le richieste di informazioni sulla simulazione già ottenuta e sulle opportunità di modifica del proprio status previdenziale, da parte di utenti che hanno utilizzato correttamente la procedura ma vogliono valutare costi e benefici di ulteriori percorsi previdenziali, ha stabilito che gli stessi dovranno rivolgersi alle sedi territoriali tramite la procedura “Agenda appuntamenti” utilizzando il punto di consulenza denominato “La mia pensione”.

La Federazione Intesa F.P. sarà a disposizione, tramite il Coordinamento Nazionale INPS, per fornire informazioni ed una assistenza personalizzata agli iscritti e ai loro familiari che ne faranno richiesta.

Ricadute organizzative sull’INPS

E’ di tutta evidenza che un progetto di tale portata avrà delle ricadute importanti a livello dell’organizzazione del lavoro, soprattutto nelle sedi territoriali dell’Istituto. E’ molto probabile, infatti, che un gran numero di cittadini si rivolgerà agli uffici dell’INPS per avere chiarimenti e consulenza specifica sulla propria situazione previdenziale, andando a gravare sul carico di lavoro del personale delle sedi già oberato dalle ordinarie pressanti ed a volte insostenibili richieste relative alle numerosissime prestazioni che eroga l’Istituto.

Sulla risoluzione di questo problema organizzativo, nonché sulla verifica dell’adeguatezza della necessaria attività di formazione del personale INPS coinvolto dal progetto, potremo da subito valutare i nuovi vertici dell’Istituto, Presidente e Direttore Generale, che di questo progetto stanno facendo il simbolo di un nuovo INPS più moderno e vicino ai cittadini.

Il Segretario Nazionale Enti Pubblici
       (Piergiuseppe Ciaraldi)

Una Risposta a “PROGETTO INPS “LA MIA PENSIONE”

  • antonio
    2 anni fa

    Be’ potrebbe essere un primo passo verso una maggiore trasparenza…rispetto ad un certo Mastrapasqua che sembra si sia lasciato sfuggire che innanzi ad una simile operazione precari ed atipici avrebbero scatenato una rivoluzione…